Infatti è evidente come le relazioni tra lavoratori si stiano evolvendo seguendo queste cinque tendenze:

  • aumento del focus sulla produttività
    i periodi della crisi più intensa hanno risvegliato l’attenzione sulla produttività che è rimasta un focus importante anche ora che la crisi pare essere svanita o almeno pare essersi attenuata. Per questo si è cominciato ad investire di più sulle persone presenti in azienda per farle stare bene e farle evolvere nel loro profilo professionale
  • da PTB (Please The Boss) a EI (Employee Intimacy)
    proprio questo aumento del focus sulla produttività ha accresciuto l’interesse verso le politiche a favore dei dipendenti, da cui il sorgere di strumenti come il Welfare Aziendale o i portali per i dipendenti
  • la tendenza alla diminuzione dei posti fissi
    la precarietà ha colpito sia la forza lavoro sia i datori di lavoro in quanto la crisi ha acuito la mobilità in talune posizioni lavorative; questo ha fatto si che sia diventato più importante seguire le risorse umane nel loro sviluppo quotidiano e nelle scelte di carriera
  • l’apprendimento continuo
    avere risorse produttive e sempre più seguite significa metterle in condizioni di imparare costantemente, con metodi adeguati alla nostra epoca, da cui il tema della gestione delle risorse umane assistita da software e dell’indirizzamento del percorso di carriera anche per il tramite di strumenti informatici professionali
  • l’aumento delle capacità di servizio dei reparti HR
    il rinnovato focus sulle risorse umane ha ovviamente messo l’accento sul reparto HR in generale e ne ha aumentato le capacità di servizio più che in ogni altra epoca.