Scacco matto a chi pensa che non sia cambiato nulla dal 1° Luglio a causa del rinvio dell’obbligo di Fatturazione Elettronica.

Facendo un passo indietro, ecco cosa sarebbe successo se questo rinvio non ci fosse stato: di fatto sarebbero stati aboliti o quasi tutti i pagamenti in contanti.

  1. ovvero, il pagamento in contanti sarebbe stato possibile ma non consentendo di dedurre il costo dell’acquisto nè di detrarre l’IVA relativa
  2. sarebbero stati possibili pagamenti con modalità diverse da quelle elettroniche a condizione che il pagamento stesso fosse risultato tracciabile (inclusi i pagamenti con assegni, bancari e postali, circolari e non, con vaglia cambiari e postali)
  3. saranno stati altresì possibili altri pagamenti elettronici come l’addebito diretto, il bonifico bancario o postale e il bollettino postale, oltre alle carte di debito e di credito.

Quale è la situazione ad oggi?

Chi acquista carburanti si trova davanti ad alcune scelte che in concreto si rifanno a quanto sarebbe successo in caso di obbligo di fatturazione elettronica pur senza che quest’ultimo si sia avverato. Ecco le opzioni possibili:

  • Chi acquista carburanti chiede l’emissione della fattura elettronica. In questo caso il cedente può esercitare l’opzione di emetterla ma non ne ha l’obbligo. Nel caso in cui lo faccia ricorrono le ipotesi di cui sopra.
  • Il compratore di carburanti continua ad utilizzare la carta carburanti. Ciò è ancora oggi possibile ma nel caso in cui la cessione avvenga ancora verso corrispettivo di contanti verrà meno la deducibilità del costo e la detraibilità dell’IVA.
  • Alla pompa di benzina si decide di utilizzare in ogni caso strumenti di pagamento tracciabili. In questo caso l’accertamento del costo potrà avvenire per il tramite dei documenti che attestano il pagamento stesso.

Ecco dunque che i cambiamenti attesi per il 1° luglio sono già di fatto avvenuti. L’unico punto che ancora rimane sospeso è l’obbligatorietà della emissione e della accettazione della fattura elettronica, che tuttavia saranno realtà tra pochi mesi.

Scrivete a info@eminet.it per adeguare i vostri sistemi informativi alle nuove normative.